Bordoli commenta la sua posizione


Accostato da alcuni media argoviesi al FC Aarau per lanciare un immediato ritorno in Super League, il futuro di Livio Bordoli è altro che scontato. " A me dispiacerebbe che non vi sia un seguito perché ho preso in mano la squadra partendo da una situazione difficilissima, nella zona retrocessione, siamo arrivati fino al secondo posto dell'anno scorso e poi quest'anno ecco un incredibile primo posto e la promozione. Con tante difficoltà iniziali e durante il campionato". In queste ore di festa, il "problema" di una riconferma del tecnico sembra quello incredibilmente più difficile da risolvere.
Come ha dichiarato Bordoli a fine partita, non è mai semplice gestire uno spogliatoio con una rosa così numericamente e qualitativamente importante e con molti innesti a stagione in corso che vanno comunque a toccare determinati equilibri. Il muso lungo di chi non ha partecipato alla festa sul campo nel giorno dell'abbraccio finale di Cornaredo è un segnale evidente quanto scontato per un ambiente vincente ed emotivamente condizionato dall'euforia dei risultati. Anche se il Presidente Renzetti ha sempre difeso l'operato del "suo" tecnico in questi giorni i rapporti sembrerebbero essersi un po' distaccati, a partire dal momento in cui - in piena festa per la raggiunta promozione - il tecnico ha cominciato a mettere in giusta evidenza alcuni aspetti del suo contratto che andrebbero prima di tutto revisionati. Un futuro incerto insomma che però fa parte del gioco. Per sua stessa ammissione, in una scala da uno a cento, le probabilità di Bordoli di sedersi sulla panchina del Lugano in Super League sarebbero al momento 49. (RCH)

Etichette: , , ,