Da Zero a Dieci: Chiasso 22.05.2015



Dopo le pagelle con voti da zero a sei ritorniamo e chiudiamo la parentesi derby con i voti di Luigi Badone. Un'occasione per valutare in via parallela i giudizi di due collaboratori di CHalcio che hanno assistito alla sfida di Cornaredo che ha richiamato sugli spalti quasi 7.000 spettatori di cui poco più di 6.000 paganti.


FC LUGANO (4-2-3-1)

Russo: 6 Di stima e praticamente sulla fiducia, visto che a parte il gol su cui non ha colpe non è mai stato impegnato. Assiste alla partita praticamente da spettatore nel secondo tempo.

Padalino: 5,5 Prestazione opaca, non si ricordano spunti offensivi degni di nota e dietro va spesso in affanno.

Urbano: 6 Si fa saltare troppo facilmente in occasione del gol subito ma poi gioca come sempre, cioè da muro difensivo.

Malvino: 7 Trova il gol con la complicità della difesa ospite e dietro non sbaglia nulla.

Markaj: 6 Sbaglia la marcatura su Pacar in occasione del gol, poi riesce a contenere abbastanza bene le poche velleità offensive degli ospiti, potrebbe spingere maggiormente quando si è in fase di possesso.

Basic: 9 Il voto non vale solo per la partita di ieri, comunque ottima, ma per la stagione completa. Un centrocampista difensivo che arriva ad 11 reti è quasi impossibile trovarlo. Nel derby ha corso per tre, con cavalcate senza sosta ed è stato premiato da un gol di pregevole fattura.

Rey: 6 Il motorino del centrocampo si limita al compitino senza strafare, comunque prezioso.

Guarino: 6,5 Tantissima corsa e impegno con anche tocchi di qualità, esce stremato.

Dal 64’ Tosetti: 7 Appena entrato sbaglia i primi due facili palloni giocati… da quel momento in poi non sbaglia più nulla e trova anche la rete con una bomba sotto la traversa

Sabbatini: 6,5 Partita di quantità che di qualità, riesce comunque a farsi sentire nella zona nevralgica del campo

Dal 91’ Djuric: SV

Bottani: 7 Serata da incorniciare per lui, assist pregevole di per Rossini e tanti tocchi di qualità. Manca solo la rete. Ogni tanto si ostina a toccare troppe volte la palla.

Rossini: 6,5 Ad un centravanti si chiede di sfruttare le occasioni ed essere un rapinatore d’area… lui assolve il compito in pieno. 

All. Bordoli: 7,5 La squadra è messa benissimo in campo e sembra giocare quasi a memoria. Propone un calcio davvero piacevole ed azzecca, come quasi sempre, i cambi. Una promozione, sperando arrivi al più presto, che lui si merita in pieno.

FC CHIASSO (4-3-3)

Guatelli: 5 Ha colpe sul secondo gol subito e non sembra essere sicuro. Sceneggiata evitabile con i compagni della difesa dopo la rete subita.

Franin: 4,5 Va sempre in difficoltà sia su Guarino che su Bottani, sbaglia controlli e passaggi semplici. 

Madero: 4,5 La peggiore partita da quando è in rossoblu, gli avversari gli sbucano da tutte le parti e non li prende mai.

Rouiller: 4,5 Anche per lui vale quanto detto per Madero.

Monighetti: 5 Dalle sue parti si passa spesso però a differenza dei suoi compagni di reparto almeno riesce a fare anche qualcosa di positivo.

Diarra: 4,5 Apatico e svogliato, è tornato a correre al rallentatore e rimedia un cartellino giallo davvero evitabile.

Dal 61’ Parfait: 4,5 Entra con la barca alla deriva e peggiora la situazione.

Maccoppi: 6 Il migliore dei sui insieme a Mihajlovic, cerca di costruire qualcosa ma predica nel deserto.

Mihajlovic: 6 Il gol dei rossoblu è più di metà merito suo, nel primo tempo è una costante spina nel fianco ma cala nella ripresa.

Dal 90’ Reclari: SV

Regazzoni: 4,5 Non si vede praticamente mai ad eccezione della solita ammonizione inutile. Con questa fanno 12 ammonizioni e 2 cartellini rossi in stagione. Questo deve fare pensare…

Pacar: 6 Sufficienza raggiunte per avere segnato la rete d’apertura, ma per il resto lo si vede troppo poco

Magnetti: 5,5 Lotta molto in mezzo ai due centrali difensivi luganese e francamente non può fare molto, da apprezzare l’impegno.

Dal 72’ Hassell: 4 Se non fosse per il nome scritto sul tabellino non ci sarebbe nemmeno accorti del suo ingresso.

All. Schallibaum: 5 Dopo il vantaggio e un primo tempo sufficiente la squadra cala nella ripresa cedendo nettamente a livello fisico. Lui non riesce a trovare il bandolo della matassa ed anche tatticamente viene surclassato da Bordoli. Per lunedì nonostante le pesanti squalifiche dovrà inventarsi qualcosa di differente.

Arbitro, Klossner: 5 Lascia correre eccessivamente. All’inizio della partita nonostante alcuni falli davvero pericolosi non si degna di ammonire. Manca anche un rigore evidente a favore del Lugano in chiusura di primo tempo, anche se in questo caso lui era coperto, quindi le maggiori colpe vanno all’assistente posizionato sotto la tribuna Brè.

Etichette: , , , ,