Allievi C: il Mendrisio chiude con due sconfitte

 
Si sono conclusi ieri sera con due sconfitte i campionati degli Allievi C del FC Mendrisio. Nella categoria C1, finale senza gloria per Simone Bordogna ed i suoi ragazzi ai quali anche nell’ultimo incontro contro il Rapid Lugano sono mancati alcuni elementi per poter prevalere sull’avversario. Subito in vantaggio con un colpo di testa di Cereghetti, i momò hanno fatto quello che hanno voluto nella prima mezz’ora di partita, fallendo almeno due facili palle goal per raddoppiare ed infine incassando in contropiede il pareggio luganese alla fine del tempo. La ripresa è iniziata ancora bene per il Mendrisio che si è visto annullare per off side un goal regolarissimo (per tornare al discorso relativo agli arbitraggi, quelli dei campionati Allievi sono spesso imbarazzanti come quello di ieri sera) prima di subire un goal fotocopia del primo dopo che il portiere Baialuna aveva già salvato in un paio di situazioni i suoi compagni.
Il Mendrisio ha messo tanta volontà nella ricerca di un risultato positivo ma è stato impreciso sotto porta e anche sfortunato quando l’ennesima svista arbitrale ha negato un rigore apparso a tutti indiscutibile. Il Rapid ha giocato una buona partita con molta determinazione e tanta volontà di fare bottino pieno per chiudere il campionato sopra la riga. Risultato ottenuto con merito grazie anche ad alcune individualità interessanti.
Ha chiuso con una sconfitta anche la squadra di Giampaolo Rebuzzi che in formazione largamente rimaneggiata è stata battuta per 4-0 dal Raggruppamento Castello Coldrerio sul campo dell’Adorna. Penalizzato da alcune gravi indecisioni difensive, il Mendrisio non è nemmeno stato troppo fortunato in fase offensiva colpendo tre traverse e sbagliando almeno cinque palle goal importanti. Risultato comunque che non fa una piega e che ha premiato la squadra ospite. Il Mendrisio chiude con un ottimo terzo posto il proprio campionato alle spalle di Insema 1 e Basso Ceresio, squadre entrambe sconfitte proprio dai ragazzi di Rebuzzi.

Etichette: ,