Allievi C1: Mendrisio - Savosa-Massagno 1:2


Settima sconfitta per il Mendrisio nel torneo primaverile e ultimo posto in classifica da cancellare quindi nell’ultimo appuntamento di sabato prossimo a Lugano contro il Rapid. L’estremo tentativo della squadra di Bordogna, alla ricerca di una posizione di classifica più consona al proprio potenziale, è franato al termine di una partita molto confusa che non ha fatto altro che confermare i limiti mentali di un gruppo di ragazzi oltre tutto poco fortunato. Escludendo infatti il primo tempo della partita interna con il Taverne, nessuna delle altre nove squadre incontrate ha dimostrato superiorità nei confronti dei momò che tuttavia hanno sempre pagato a caro prezzo errori individuali e situazioni di gioco particolari. Se però alla fine di una partita c’è sempre un goal di differenza a vantaggio di una squadra avversaria ci sarà un perché. Sabato pomeriggio, il Savosa-Massagno è parsa compagine normale con un qualcosa in più emerso nel secondo tempo a livello di preparazione atletica superiore a quella della squadra di Bordogna. Il logico vantaggio di Ceppi (13’) è stato il risultato di tre pericolose palle goal concesse dalla difesa locale nei primi minuti, ma il pareggio di Fubiani (16’) ha rilanciato le quotazioni del Mendrisio che prima di subire il 2-1 di Nikolic (35’) ha sfiorato in tre limpide circostanze il goal del vantaggio. Nel secondo tempo, le palle ferme avrebbero potuto dare un vantaggio ai locali che però non hanno saputo far tesoro delle varie opportunità. Senza mostrare particolare difficoltà, la squadra di Leone ha così compiuto un grande affare in classifica mettendosi di fatto in salvo da spiacevoli sorprese nelle ultime giornate di campionato. Al Mendrisio non resta che vincere a Lugano per cercare di scavalcare due squadre in classifica nell’ultima giornata.
 
 

Etichette: , ,