Da Zero a Dieci: Lugano - Thun


di Luigi Badone

LUGANO - Il Lugano, nonostante una buona prova collettiva, è stato sconfitto dal Thun nel suo esordio casalingo in Super League. Torniamo sulla partita di Cornaredo con le preziose pagelle di Luigi Badone.

FC LUGANO (4-3-3)

Russo: 6,5 Sui gol subiti non può fare davvero nulla, si mette in mostra con tre parate di livello. A differenza di quanto fatto fino all’anno scorso ora deve anche fare il libero aggiunto.

Veseli: 5 Alcuni errori pesanti in occasione delle reti ospiti. Difensivamente va spesso in difficoltà ed offensivamente non arriva mai a crossare pericolosamente. Il balzo dalla terza categoria inglese alla Superleague è davvero enorme e se ne sta accorgendo.

Djuric: 6,5 Sembra strano che con 3 gol subiti i centrali difensivi siano tra i migliori ma l’ex centrale del Chiasso dimostra di essere un giocatore di spessore. Nel gioco aereo spicca su tutti con la consueta grinta, peccato per il cartellino giallo.

Urbano: 6,5 Con Diuric si intende bene e in futuro non si potrà che migliorare. La grinta e la cattiveria agonistica sono quelle di sempre. Riceve un cartellino giallo che sembra francamente eccessivo.

Markaj: 6 Questo è uno dei giocatori della rosa luganese con il passo da Superleague, anzi per il suo stile di gioco potrebbe sentirsi più a suo agio nella massima categoria che in Challenge. Difensivamente non commette grosse sbavature, invece a livello offensivo sbaglia qualche cross.

Pusic: 5 Le difficoltà di inserimento in una realtà nuova si fanno sentire. Sembra un corpo esterno alla squadra, non entra mai nel vivo del gioco nonostante dovrebbe essere uno dei giocatori addetto a dettare i ritmi. Sicuramente è un giocatore che, perlomeno nelle amichevoli, ha mostrato sprazzi interessanti e che va (si spera per poco), ancora aspettato.

Dal 63’ Sabbatini: 6 Entra un attimo prima di subire la terza rete che chiude la partita. Non ha quindi possibilità di mettersi in luce e si limita al compitino. Riesce però a procurarsi il rigore nel finale.

Piccinocchi: 6,5 Il ragazzo dimostra di avere carattere da vendere, visione di gioca ed un controllo di palla notevole. Nella prima mezz’ora detta i ritmi molto bene prendendosi spesso la responsabilità di costruire l’azione ed il pallone lo perde raramente, cala alla distanza fino alla sostituzione.

Dal 68’ Milosavljevic 5,5: Vale lo stesso discorso di Sabbatini, entra a partita ormai decisa limitandosi alla giocata semplice senza incidere.

Rey: 6,5 Si potrebbero scrivere pagine intere su questo giocatore, meglio limitarsi, altrimenti si finirebbe domani, a sottolineare la grinta enorme che gli fa sopperire ai limiti fisici. Oggi ha giocato quasi da regista e sembra molto migliorato anche tecnicamente.

Lombardi: 6 Si procura il primo rigore e si mette in mostra con qualche giocata interessate. Sicuramente è un giocatore visto di buon occhio da Mister Zeman visto che gioca di più ora confronto allo scorso anno.

Dall’ 80’ Padalino: SV

Bottani: 6 Ha il merito di realizzare, nonostante il tocco del portiere, il rigore del momentaneo 1-0 che lo porta alla sufficienza. Per il resto alcuni spunti offensivi e molto movimento spesso fine a se stesso. In alcune occasioni si intestardisce a tenere palla fino a che non viene fermato dagli ottimi difensori ospiti.

Rossini: 5,5 A parziale giustificazione va detto che di palloni giocabili ne ha visti ben pochi, ma quei pochi non li tramutati in niente di pericoloso. Mezzo punto in più per il rigore segnato a tempo scaduto.

All. Zeman: 5 Avere due rigori a favore non succede in tutte le partite, e quando si perde nonostante questo l’allenatore ha sicuramente le sue colpe. La squadra inizia bene ma sembra spendere troppo nella prima mezz’ora giocata a ritmo forsennato per poi calare dal 35’. Nei dieci minuti chiave di fine primo tempo non fa arretrare la squadra per cercare di arrivare al riposo in vantaggio ma continua a scoprirsi e viene punito. Nel secondo tempo, oltre che il calo fisico della squadra, Sforza lo imbriglia tatticamente. Andrebbe spiegata come mai la scelta di tenere Tosetti in panchina e poi, sotto di due reti, l’inserimento di Padalino come ala. Riguardo alla tattica è il solito Zeman, sempre 4-3-3 qualunque sia il risultato.



FC THUN  (4-2-3-1)

Faivre: 6,5 Risponde presente nelle occasioni in cui è chiamato in causa. Va vicino a parare il primo rigore.

Schirinzi: 6,5 Il ragazzo ex Lugano ha il merito di limitare molto Bottani fermandolo quasi sempre.

Reinmann: 7,5 Pilastro della difesa. Annulla completamente Rossini e di testa sono tutte sue.

Sulmoni: 6,5 Ottima prestazione per il ticinese, l’intesa con Reinmann è totale.

Wittwer: 5,5 In qualche occasione soffre Lombardi, offensivamente non partecipa al gioco.

Hediger: 6 Si limita al passaggio semplice, ma non lo sbaglia quasi mai.

Zino: 5 Ingenuo nel fallo del primo del rigore che sarebbe potuto costare caro, inoltre poco reattivo.

Dal 69’ Lauper: 6 Entra quando si deve contenere e da il suo contributo.

Ferreira: 5,5 Partita senza alti e bassi, mezzo punto in meno per il brutto intervento che lo porta al giallo.

Rojas: 7 Tanti palloni giocati ed un eurogol da rivedere, per notare quanto sia stato o meno voluto.

Dall’81’ Burki: SV

Rapp: 7,5 Un gol, un assist, sponde e tanta corsa. L’intesa con Buess è ormai consolidata.

Dal 66’ Frontino: 6 Entra a partita ormai decisa e si limita a qualche ripartenza

Buess: 7,5 Anche per lui un gol e un assist. Spina nel fianco per tutta la durata dell’incontro

All. Sforza: 7 Legge benissimo i momenti della partita, quando spingere e quando controllare. 


Arbitro, Feday San: 5,5 Denota mancanza di personalità durante l’arco di tutto l’incontro. Va spesso in difficoltà nonostante la facilità della partita ed il fair-play in campo. In alcuni momenti tende a far correre troppo invece in altri fischia più del dovuto. Corrette le decisioni sui due rigori, invece da rivedere la distribuzione dei cartellini gialli.

Etichette: , , ,