Il nuovo inizio di Bordoli: «Sono visto diversamente»


di Flavio Maddalena

«Coraggio, lasciare tutto indietro e andare, partire per ricominciare...». Partire per ricominciare. Già. E non è neppure improbabile che, mentre si recava nel canton Argovia per firmare il contratto con il suo nuovo club, lo scorso 2 di giugno, dalla sua autoradio abbiano fatto capolino le note dello stradiffuso tormentone estivo del bravo Cremonini. Facendolo probabilmente sorridere (il mister, naturalmente, non il cantante). Livio Bordoli, da alcune settimane, si è lanciato in una nuova sfida.
Un nuovo inizio, proprio. Pochi giorni soltanto dopo aver festeggiato la promozione in Super League con il Lugano, il tecnico verzaschese si è rimesso in viaggio. Di comune accordo con il presidente Angelo Renzetti, ha optato per un addio, nonostante l’accordo valido anche per la stagione 2015/16. Quella del ritorno del Lugano in Super League. E così, ora, eccolo sulla panchina dell’Aarau. LEGGI IL RESTO

Etichette: , , , , , ,