La nuova stagione: curiosità e dubbi di Falvio Ferraria

 
di Flavio Ferraria

Ricordi lontani. Quando si avvicinava il momento del rientro in classe per iniziare un nuovo anno scolastico, il mio sentimento, o meglio i miei sentimenti erano diversi. La poca voglia di tornare a studiare e affrontare un nuovo anno di fatica scolastica, la gioia di ritrovare i miei compagni e la curiosità. Si la curiosità. Cosa mi sarebbe aspettato: nuovi professori, nuovi compagni e nuove compagne. E’ la stessa curiosità che ho oggi nell’attesa della stagione 2015-16. Non è tanto esternare i pronostici di chi sarà il vincitore o il perdente ma qualcosa di più.
Ho la curiosità di vedere se il Basilea con l’addio di Streller, con le partenze di Schaer, di Frei, con l’arrivo di un nuovo allenatore: Fischer; con il ritorno di Kuzmanovic. Si confermerà la squadra di sempre? Imbattibile? Spettacolare?

Ho la curiosità di vedere se lo Young Boys saprà vincere il titolo di Campione Svizzero. Avrà ancora le amnesie della stagione passata? Una cosa è certa se fallisse ancora una volta le responsabilità sarebbero tutte del duo Forte/Bickel che andrebbero incontro ad una sonora bocciatura

Ho la curiosità di vedere il lavoro di Mister Tami. Il GCZ non è una squadra facile da gestire. Per lui una prova del nove. Tanti nomi nuovi, tante partenze importanti

Poi la curiosità delle curiosità. Lugano. Zeman. Renzetti. Il ritorno di una ticiniese nel massimo campionato elvetico. Goduria. Ci siamo divertiti, spaventati entusiasmati con il Bellinzona del mio “amico” Morinini. (Ciao Roberto) e con le diavolerie di Giulini, adesso tocca alla squadra faro di tutto il Ticino. La curiosità di vedere un uomo come Zeman catapultato nel nostro campionato. Chi scrive è stato un estimatore del boemo. E’ pur vero che Il calcio si gioca sempre 11 contro 11 e vince chi fa un gol in più dell’avversario, ma questo gioco si è modificato. Non esistono solo i preparatori atletici, quelli dei portieri, ma oggi sono arrivati i match-analist, i preparatori dei difensori, quelli degli attaccanti, ma Zeman, a tutto questo preferisci i gradoni, il sudore la fatica serviranno ancora? Eppoi Renzetti. Con il suo temperamento, di mettere bocca su tutto e tutti insisterà ancora o si stenderà ai piedi di Mr Zdenek?

Ho la curiosità di vedere come si comporterà nel calcio professionistico una squadra a me cara, che nel passato mi ha fatto sentire orgoglioso del calcio svizzero, con i suoi magnifici personaggi: Gress e Facchinetti, con Stlike, Hermann e Givens; con le sfide contro le grandi d’Europa. Eppoi i derby vissuti direttamente con la Chaux de Fonds e l’indimenticabile inaugurazione della Maladiere. Forza Neuchatel!

Avrei ancora tante curiosità, ma sarà bene gestirle nel corso delle prossime settimane, nel frattempo godiamoci il primo giorno….

Etichette: , ,