EL: YB a casa; Thun quasi.....


Anche se su Fb qualcuno se l'era presa male, il preventivato allarme lanciato la scorsa settimana da Flavio Ferraria non ha concesso alle squadre rossocrociate impegnate in campo internazionale di smentire le sensazioni. Dopo l'immeritata eliminazione del Basilea è arrivata quella meritata e disastrosa dello Young Boys che da qualche minuto è ufficialmente una squadra a pezzi con una dirigenza a pezzi e una tifoseria incazzata da far paura. Quanto ci viene riferito si riferisce ad una squadra scesa in campo senza un minimo di preparazione mentale, arresa prima ancora di iniziare a giocare e vittima della fame di un Qarabag che quasi incredulo ha staccato senza fatica il pass per la fase a gironi di Europa League.
Ancora una volta, protagonista in negativo Steve Von Bergen, la cui partita è durata meno di quattro minuti: il nazionale - forse un troppo chiacchierino nelle ultime settimane - si è fatto cacciare dopo aver causato un fallo da rigore che ha dato il via alla festa dei padroni di casa. Di Almeida (4'), Reynaldo (43') ed Ismaylov (61') le reti che hanno decretato la fine prematura di un gruppo dal quale ne uscirà qualcuno con le ossa rotte. Se la Berna che ama e soffre vestita di giallonero se la passa da schifo, non va molto meglio a pochi chilometri di distanza. A tenere in vita il Thun sono un paio di successi fortuiti in campionato, ma alla fine del primo tempo (dopo il negativo 3-1 dell'andata) la squadra di Sforza è sotto per 2-1 alla Stockhorn Arena contro lo Sparta Praga. In venti minuti Dockal (10') e Husbauer (20') hanno fatto crollare le speranze dei bernesi che sono parzialmente rientrati in partita grazie al goal di Ferreira (33'). (dp)

Etichette: , ,