Clima teso a Cornaredo



La deludente prova offerta dalla sua squadra nel derby di Coppa Svizzera contro il Bellinzona non è proprio andata giù ad Angelo Renzetti. Il presidente del Lugano prima dei tempi supplementari è sceso in panchina per dare una scossa alla squadra. Non tutti però l'hanno presa bene, come testimoniano le parole di Lombardi proprio nei confronti del numero uno bianconero.
Il centrocampista avrebbe infatti mandato Renzetti a quel paese, invitandolo ad occuparsi unicamente del suo ruolo, ovvero quello da presidente, senza intromettersi in affari che non lo riguardano. A fine gara, nonostante l'immeritata vittoria, Renzetti ha dichiarato il silenzio stampa per tutti escluso Zeman. In attesa dell'importantissima sfida di campionato contro lo Zurigo, a Cornaredo non si respira un aria felice. Peccato, una neopromossa solitamente vive e può raggiungere la salvezza volando sulle ali dell'entusiasmo della stagione precedente. Invece in casa Lugano di entusiasmo non c'è nemmeno l'ombra. Attenzione, se a una squadra tecnicamente limitata si aggiungono problemi di natura extracalcistica ecco che la salvezza, già complicata, diventa un'impresa. 

Etichette: , , , , , , ,