L'YB punisce il Chiasso sulle palle ferme


di Ariele Mombelli

In una domenica di festa per tutto il calcio svizzero, il Riva IV di Chiasso metteva in scena la sfida tra i padroni di casa ed il ben più quotato Young Boys, reduce da un inizio di campionato titubante ma che comunque resta una delle top squadre del panorama elvetico. Pronti via e i bernesi tengono alto il ritmo, forse troppo per il Chiasso, che comunque non va mai in panico e si difende bene. Passano i minuti e i rossoblu mettono la testa fuori dalla propria metacampo trovando interessanti giocate soprattuto con i lanci di Maccoppi per Regazzoni e Guarino.
La rapidità e l'abilità nei dribbling dei due esterni manda spesso in difficoltà la retroguardia ospite, che un po' per l'imprecisione dei rossoblu al cross e l'abilità di Vilotic nelle palle alte se la cava egregiamente. Le migliori occasioni sono comunque degli ospiti che al 17' si divorano un gol già fatto con Steffen, che a pochi metri spara alto a porta praticamente sguarnita. Alla pausa però si va con l'YB in vantaggio grazie ad un'incornata di Gerndt, fino a li invisibile, su servizio da calcio da fermo di Sulejmani. L'entrata in materia dei rossoblu nella seconda frazione si rivelerà poi decisiva. Su angolo calciato di nuovo da Sulejmani, il Chiasso paga caro una marcatura non impeccabile di Diarra. Sulla palla si avventa Gendt che batte un Kovacic non perfetto. Raddoppio e partita praticamente conclusa. A mettere un po' di pepe al finale ci pensa Bertone, che con un intervento inutile e criminale ai danni di Ciarrocchi, si guadagna la doccia anticipata. Il Chiasso con quattro punte in campo sfiora più volte la rete, a ripetizione con Maccoppi, Melazzi, Ciarrocchi e Cortelezzi. Mvogo però è più volte strepitoso e dice di no. La partita termina con i 1400 del Riva IV (pochi) ad applaudire la squadra per la prestazione offerta.

Etichette: , , ,