1L: Locarno - Wettswil 0:1


Continua il brutto periodo per il Locarno. Ieri al Lido è stato il Wettswil Bonstetten ad approfittare del momento no dei verbanesi. La prestazione non è stata però, a differenza di altre volte, tale da far dire che i ticinesi hanno sprecato dei punti. In una partita equilibrata, giocata più che altro con agonismo, i ticinesi hanno in effetti sentito parecchio le pesanti assenze di Maggetti e di Bustamante, che hanno costretto mister Demarchi a rivoluzionare il centrocampo. A decidere una partita così poteva essere solo un episodio, arrivato stavolta dopo 13’ con Teixeira Machado dimenticato in piena area, che ha potuto concludere indisturbato di testa a pochi metri da Badalli.
Il Locarno fino a quel momento aveva ben giocato e ha continuato a farlo fino alla pausa, poi la scarsa forma fisica di alcuni dei protagonisti non ha permesso di dare continuità al gioco. Proteso in avanti, l’undici ticinese ha poi dovuto giocare il finale in 10 uomini per l’espulsione del centrale Perazzo, fatto che ha bloccato il serrate finale dei bianchi. Claudio Demarchi alla fine della partita non nasconde una certa amarezza: “Peccato saremmo potuti andare a punti, ma non siamo riusciti a raddrizzare una partita messasi male per una nostra distrazione. Adesso non dobbiamo disperarci, e continuare il nostro lavoro, soprattutto mentale. Basta poco a volte per uscire dai momenti negativi e sono sicuro che questo gruppo ne ha le possibilità”.

Locarno-Wettswil/Bonstetten 0-1 (0-1)

Rete: 13’ Teixeira Machado

Locarno: P.Badalli; De Gianbattista, Perazzo, Regazzi, Acosta; Pagano; Bilinovac, Milosevic (77’ Cetrangolo); Senkal, Manfreda (60’ Stojanov); Lamanna.

Wettswil: Thaler; Goljica, Studer, Waser (77’ Bozic), D. Badalli; Costancio, Kaylon, Gouiffe (60’ Schneebeli); Teixeira Machado (84’ Dukhnich); Gjergji, Peter. 

Arbitro: Mehmed Ljatifi

Note: Stadio Lido, 400 spettatori. Ammoniti: 15’ Waser; 28’ Perazzo; 32’ D. Badalli; 69’ Gjergji; 82’ Regazzi. Espulsi: 85’ Perazzo (doppia ammonizione); 90’ Peter (vie di fatto).

Etichette: , ,