1L: tanti esami e poche certezze

 
Non sembra vero, ma siamo già alla 10ima giornata anche in 1^ Lega. Un campionato - quello del Gruppo 3 - sin qui reso bruttino dall'incapacità di saperlo gestire da un comitato inadatto, da una classe arbitrale mai stata così di basso livello e da una qualità complessiva inferiore alle attese causata dall'incredibile (necessaria ?) circolazione di giocatori su conto del quale ci sarebbe da chiedersi come facciano ad arrivare in una determinata categoria. Ad ogni modo la classifica sembra abbastanza delineata e se al comando ci sono due U21 (cosa mai accaduta negli anni addietro dopo un terzo abbondante di campionato) forse ci sarebbe qualche risposta da fornire a se stessi.
Escludendo quindi Winterthur e Grasshopper, troviamo una serie di squadre dal rendimento altalenante per le quali parla prima di ogni altra cosa la loro differenza reti. Per qualcuna di queste, la decima giornata rischia già di essere decisiva: non si può scrivere diversamente per chi arranca con fatica sotto la soglia dei dieci punti o per chi, alla soglia dei 12/11 gioca confronti diretti che se non sono da dentro o fuori poco ci manca. Decima giornata che nasce dalla parte del Baden (impegno agevole all'Esp con il Kosova), da quella dello United (subito cancellare la sconfitta di Coppa contro un Eschen  senza identità) e da quella del Wettswil (striscia allungata in caso di probabile successo sul Dietikon). Difficili gli impegni delle ticinesi: il Mendrisio giocherà a Seuzach contro una squadra molto buona ed il Locarno sarà a Winterthur sul campo della capolista. Il Gossau riceverà il GC mentre in coda il confronto da "sei" punti tra Balzers e Thalwil promette logiche scintille. (dp)

Etichette: ,