Calcio Femminile: Il Balerna si coccola la giovane Cereghetti


Impegnate a Eschenbach le ragazze allenate da Giovanni e Stefano Scali hanno confermato i progressi visti in casa contro il Südost. Sono bastati 3 minuti a Tosi, ben servita dalla debuttante Canetta, per sbloccare il risultato. Al 27' Cereghetti (quinto gol stagionale) insacca con un bel colpo di testa su corner battuto da Lurati. Passano 5 minuti e le padrone di casa accorciano con Hofstetter, che ferma a 159 minuti l'imbattibilità di Zanzi. Ci pensa Canetta a togliere le castagne dal fuoco e siglare il 3 a 1. Il secondo tempo scorre via senza particolari sussulti. 3 punti molto importanti quelli ottenuti contro una concorrente per la salvezza. Settimana prossima arriva a Balerna il FC Amriswil-Kirchberg.
Attualmente nel Balerna femminile è una giovanissima che si sta ergendo a protagonista. Sara Cereghetti, classe 1999, è il capocannoniere della squadra con 5 reti in 7 partite. Dopo la passata stagione, culminata con la storica salvezza, quest’anno Sara sembra aver acquisito maggior fiducia nei propri mezzi; e lo dimostra con le risposte per il nostro sito.

“In effetti la passata stagione ho fatto fatica. Arrivavo dagli allievi C e il salto è stato grande: i difensori in prima lega non ti lasciano il tempo e lo spazio di cui disponevo prima. Ci ho messo parecchio ad adattarmi, a capire il cambiamento non solo a livello calcistico: ad esempio anche le partite fuori casa, non sembra ma c’è parecchia differenza dovendo sempre fare 2-3 ore di bus. Quest’anno sta andando meglio: l’anno scorso in totale avevo fatto 6 gol, ora sono a quota 5. La strada è quella giusta.”

Dopo un avvio di campionato sottotono, avete inanellato due vittorie di fila. Cosa è cambiato?

“Dal punto di vista calcistico non è cambiato nulla, andiamo avanti per la nostra strada. Abbiamo acquisito maggior fiducia nei nostri mezzi ed evitato di commettere certi errori. La vittoria contro il Südost è stata molto importante e confermarsi a Eschenbach sabato non era scontato. Per fortuna ci siamo riuscite. Ora la corsa per la salvezza sembra rilanciata.”

Sabato scorso al tuo fianco ha esordito Cora Canetta, già nazionale Svizzera. Che effetto fa giocare al suo fianco?

“Per me che ho solo 16 anni è tutto da guadagnare, ma penso per chiunque. Poter giocare assieme a una ragazza che nonostante la giovane età ha una grande esperienza non mi farà che bene. È fortissima. Spero possa aiutarmi a crescere ulteriormente, farò tesoro di ogni consiglio che sarà disposta a darmi.”

Hai seguito tutta la trafila delle giovanili e sei giunta in prima squadra la passata stagione. Dopo un anno di adattamento come ti trovi in questa squadra?

"Giocare con ragazze di età differenti non è sempre facile, va da sé che con alcune si lega di più rispetto ad altre. Però tutte hanno saputo accogliermi facendomi sentire subito a mio agio. Sono fiera di giocare con loro e di fare parte di questa grande famiglia Anche con gli allenatori ho un bel rapporto: sono sempre pronti a sostenermi e consigliarmi per migliorare"

Mancano 4 partite alla fine del girone di andata. Dove può arrivare la tua squadra?

“Spero il più in alto possibile. L’obiettivo è chiaramente quello della salvezza. Dopo il brutto inizio ci siamo un po’ scoraggiate e vedevamo tutto nero, ma ora sembra essere tornato il sereno. Quello che conta è andare avanti così, lottare. Giocare come le ultime due partite porterà sicuramente altri risultati positivi. Ovviamente con 3 retrocessioni su 12 squadre per salvarsi bisogna fare tanti punti, ma se continuiamo come le ultime due settimane ce la possiamo fare! Per chiudere volevo dire un grande grazie ai mister e alla società, ma sopratutto alle mie compagne che mettono in campo a ogni partita cuore, passione e grinta. Let’s go girls!” (RCH)



Etichette: , ,