CL: Bienne - Chiasso 1:1


Il Chiasso orfano di Schällibaum, era ospite, alla Tissot Arena, del Bienne. Sotto la guida di Stephani, i momò hanno raccolto un solo punto, che perlomeno consente di restare aggrappato alle prime posizioni; nonostante la vittoria manca da ormai troppo tempo, precisamente dal lontano 23 agosto. Eppure se si vuole vedere il bicchiere mezzo pieno i rossoblu, situano al secondo posto in classifica, appaite ad Bienne e Wil; anche se bisognerebbe guardarsi bene alle spalle, siccome l' ultima posizione dista solo quattro punticini. 

Bienne e Chiasso, anche sta volta, come accaduto nel primo scontro, non si fanno del male, dividendosi la posta in palio. Inizio incoraggiante per i rossoblu, passati in vantaggio al 15' con Rouiller, abile a finalizzare una conclusione calciata su un avversario da Ivic. Come spesso accaduto, non dura molto il vantaggio ticinese, ripresi sette minuti più tardi da Pak; imbeccato bene da Marchesano. L' immediata e feroce reazione del Chiasso può essere premiata nel giro di 2', quando il portiere Frick attera Regazzoni, e viene fischiato il calcio di rigore. Dagli undici metri si presenta lo stesso Regazzoni, ma Frick indovina l'angolo e nega il vantaggio ospite. La seconda frazione è a favore dei padroni di casa, che hanno creato molto di più, non centrando mai la porta difesa da Guatelli. Il Bienne ha anche avuto un'occasionissima, a 10' dal termine, con Pak che a porta sguarnita ha eclatatamente calciato a lato. Vede il bicchiere mezzo pieno il Chiasso, nonostante l' assenza prolungata di vittorie, guadagnando un punto, in una sfida delicata, caduta in un momento delicato per tutto l'ambiente rossoblu. (rv)

Etichette: , , , ,