2LR: Casarotti: "Vietato accontentarsi"


di Riccardo Vassalli

Alla vigilia della dodicesima giornata di Seconda Lega Regionale, in casa Giubiasco è tempo di primi bilanci, a due partite dalla sosta. La posizione in classifica rispecchia il buon lavoro svolto fin' ora. La vera sorpresa di questa prima parte di campionato è proprio il giovane Giubiasco di Mattia Casarotti, il quale torna a rispondere ad alcune delle nostre domande.
A 3 punti dal terzo posto, te lo saresti mai immaginato a inizio campionato?

"Ad inizio campionato, l'obiettivo di molti era riscattare la passata stagione; salvata in parte già dal buon girone di ritorno. Siamo partiti come avevamo finito, consapevoli di potercela giocare con tutte le squadre e così stato fin'ora. Questo è un campionato molto equilibrato, bastano 2-3 partite fatte male e ti ritrovi giù nella parte bassa della classifica...ora ci godiamo un buon piazzamento che vogliamo mantenere, e possibilmente migliorare ancora. Dobbiamo essere ambiziosi e non accontentarci."

Se bisogna essere pignoli e cercare il pelo nel uovo, c'è qualcosa che non ti soddisfa in questo buon periodo?

"Con Collina e Porza abbiamo centrato 6 punti importanti, erano partite da vincere e l'abbiam fatto e questo è un buon segnale. Nonostante ciò trovo che abbiamo sofferto più del previsto nel farlo, vuoi per troppa presunzione vuoi per mancanza di concentrazione...su questo dobbiamo sicuramente migliorare e crescere come squadra in generale."

Verscio e Balerna prima della pausa, dove vedi il Giubiasco fra due partite?

" Verscio e Balerna ci diranno se meritiamo di rimanere nella parte alta della classifica o meno. Molto dipende comunque da noi e da come affronteremo queste due ultime gare; a volte ho l'impressione che alcuni si accontentano di essere lontani dalle ultime posizioni e non ambiscono a cercare qualcosa in più; mi piace il giocatore ambizioso che cerca sempre di migliorarsi giorno dopo giorno, sfruttando ogni allenamento e situazione per crescere come giocatore e soprattutto come uomo. "

Cosa ha dato Casarotti, in più rispetto all'anno scorso?

" Lo stimolo della concorrenza ha fatto sì che tutti hanno dovuto dare qualcosa in più quest'anno. Molti hanno saputo far tesoro degli errori commessi nel passato e l'esperienza acquisita poi ha fatto il resto. La presenza in squadra di giocatori esperti e di personalità come Martino Bassi tanto per citarne uno, ci aiuta moltissimo, spinge tutti a dare qualcosa in più. Molti giocatori da quando sono arrivato son cresciuti; sotto l'aspetto calcistico ed umano: trovo che queste siano le soddisfazioni migliori per un allenatore al di là dei risultati sul campo."

Etichette: , , , ,