SL: un Basilea spento vince e allunga


Ha dovuto sudare le proverbiali sette camice il Basilea per avere la meglio sul Vaduz. Il Rheinpark si sta rivelando sempre più stadio ostico, per tutte le squadre, compresa quella dei campioni svizzeri. Di fronte a 4'897 spettatori, i renani hanno dovuto attendere fino all'81' per trovare il primo e decisivo vantaggio.
Il matchwinner della serata è stato, neanche a dirlo, il bomber austriaco Janko. La partita era iniziata in salita per la squadra di Urs Fischer, colpita a freddo dall'attaccante Avdijaj (2'), al primo gol in Super League. Il pareggio, che ha poi permesso agli ospiti di giocare con più calma, è giunto solo quattro minuti più tardi, quando Bjarnason ha superato Jehle. La partita, logicamente guidata dal Basilea, è poi corsa via liscia fino all'episodio decisivo sopracitato. I tre punti permettono ai campioni svizzeri di allungare e probabilmente staccare definitivamente il Grasshopper. La squadra di Tami è infatti stata sciaguratamente sconfitta dal Thun di Saibene. Dopo la vittoria contro il Lugano, i bernesi sono riusciti a centrare la seconda vittoria consecutiva. Dopo un primo tempo conclusosi a reti bianche, al vantaggio di Caio (62'), hanno risposto prepotentemente il sempre più convincente Munsy (64') e Schirinzi (79'). (am)

Etichette: , , , , ,